News

VERSO IL VENTENNALE DELLA MISERICORDIA DI MUSSOMELI

Gita a Zafferana Etnea

C.B.) Anche se le condizioni metereologiche non avevano promesso nulla di buono, la gita sociale di domenica scorsa a Zafferana Etnea dei centodieci partecipanti, fra volontari e simpatizzanti della Misericordia hanno dato l’avvio alle iniziative che precedono i festeggiamenti per il ventennale della Misericordia; l’appuntamento conclusivo è fissato per il 16 gennaio 2007. Una gita purtroppo penalizzata dalla persistente pioggia della mattinata nel catanese ma all’ insegna dell’allegria e della Fraternità. La sospensione della manifestazione decretata dall’ordinanza sindacale per causa della pioggia, annunciata a mezzogiorno dal Comune di Zafferana, ha parzialmente deluso la comitiva costringendo gli organizzatori della Misericordia a cambiare il programma pomeridiano, dedicato interamente agli shopping presso il centro commerciale di Paternò. Un pomeriggio interessante ed imprevisto ma gradito dai gitanti, che, durante il viaggio di ritorno, hanno sollecitato gli organizzatori per eventuali successive gite verso altri angoli della Sicilia. Intanto altre iniziative, altri appuntamenti, come convegni, esercitazioni di pronto soccorso, sensibilizzazione nelle scuole e momenti ludici sono previsti nei prossimi mesi che si concluderanno a metà gennaio prossimo a conclusione dei festeggiamenti. Intanto è bene ricordare che la Misericordia di Mussomeli fu costituita legalmente con atto notarile il 16 gennaio 1987. Sembra proprio l’altro ieri quando il suo sofferente pioniere, parliamo ormai del compianto Peppe Sorce, collaborato da un piccolo nucleo di volontari e fra questi il compianto prof. Salvatore Mancuso, diede vita ad una grande ed entusiastica manifestazione che sanciva la nascita della Fraternita di Misericordia a servizio della comunità locale e non solo. Volontari in turno, pronti a partire per i servizi con l’ambulanza, donata dall’allora Cassa Rurale ed artigiana San Giuseppe.Un nuovo sodalizio che si aggiungeva a quello del gruppo donatori di sangue Fratres, ambedue del ceppo delle Misericordie d’Italia. In quel periodo, nella provincia di Caltanissetta, erano soltanto tre le Misericordie e nel corso dei successivi anni è salito a sei: Mussomeli, Vallelunga, Marianopoli, Caltanissetta, Niscemi e Gela, dotando i territori di servizi, destinati alla persona. Sfogliando l’archivio storico dei vent’anni del sodalizio, risultano iscritti più di mille volontari, che a qualsiasi livello, hanno collaborato con l’istituzione. Sebastiano Misuraca, già Presidente del sodalizio ed oggi dirigente d’Azienda, ricorda i primi passi della Misericordia, allorquando l’impegno e l’entusiasmo di alcuni volontari fecero superare le improvvise ed iniziali difficoltà del sodalizio, in seguito alla prematura morte del suo fondatore. In tanti sanno che la storica volontaria Gera Favata ha contribuito al radicamento del sodalizio nel territorio. Era sempre in prima linea, disponibile ad organizzare “festi e fisticedda” per gli anziani e per le persone in difficoltà. Attualmente, per motivi di lavoro, non è in mezzo ai volontari. Nè si può sottacere l’autista soccorritore Enzo La Greca che per il primo decennio ha seguito direttamente il servizio ambulanza. L’approccio col mondo della scuola è risultata poi la carta vincente per la diffusione della cultura del volontariato, mentre le divise confederali, indossate dai volontari, sono state un forte richiamo per i giovanissimi. La presenza poi del P. Spirituale Don Diego Di Vincenzo ha completato l’organigramma del sodalizio, che in questi venti anni, ha rappresentato, assieme al gruppo Fratres, un sicuro punto di riferimento. Certamente non sono mancati i momenti di difficoltà, tuttavia superate col sostegno degli Enti pubblici e dei Privati. E’ la dimostrazione la sede sociale, i cui locali, sono stati ceduti in comodato d’uso, a titolo gratuito, dall’Amministrazione Comunale dell’ ex sindaco Scannella, e confermati dalla Giunta del sindaco Valenza.E’ da ricordare la mobilitazione generale del paese e non solo di cinque anni fa per la raccolta fondi, finalizzati all’acquisto di una nuova ambulanza. A questa iniziativa aveva contribuito anche la Provincia Regionale di Caltanissetta con un sostanzioso contributo.Tanto impegno, dunque, ma anche tante soddisfazioni. Affidare alla storia locale questi 20 anni della Misericordia, significa conservare la sua memoria storica per quanti vorranno seguire questa strada.


Articolo inserito il 18/10/2006

indietro